Testi e Letture

  • Rogers, C. R. (2000) La terapia centrata sul cliente, Firenze, Psycho

  • Rogers, C. R.; Stevens, B. (1987) Da persona a persona. Il problema di essere umani, Roma, Astrolabio-Ubaldini

  • Rogers, C. R. (1983) Un modo di essere, Firenze, Psycho

  • Rogers, C. R. (1978) Potere personale. La forza interiore e il suo effetto rivoluzionario, Roma, Astrolabio-Ubaldini

  • Rogers, C. R. (1974) Partners. Il matrimonio e le sue alternative, Roma, Astrolabio-Ubaldini

  • Rogers, C. R.; (1974) Libertà nell'apprendimento, Firenze, Giunti-Barbera

  • Rogers, C. R. (1976) I gruppi di incontro, Roma, Astrolabio-Ubaldini

  • Rogers, C. R. (194) Partners. Il matrimonio e le sue alternative, Roma, Astrolabio-Ubaldini

  • Rogers, C. R.; (1974) Libertà nell'apprendimento, Firenze, Giunti-Barbera

  • Berne E. “A che gioco giochiamo” Bompiani, Milano 1968

  • Bodenmann G., Bertoni A.. “Promuovere le competenze della coppia: couples coping enhancement training ”, Carocci, Roma 2004

  • Biavati M. “La relazione che cura” Dheoniane, Bologna 2006

  • Bowlby J. “La base sicura” Cortina Raffaelo, Milano 1989

  • Cameron J. “La via dell’Artista” Longanesi, MI 1998

  • Clarkson P. “Gestalt-Counseling” Sovera, Roma 2000

  • Downing G. “Il corpo e la parola” Astrolabio, Roma 1995

  • Edwards B. “Disegnare con la parte destra del cervello” Longanesi, Milano 2002

  • Ginger S. “La Gestalt: Terapia del “con-tatto emotivo” Mediterranee, Roma 1990

  • O'Leary Charles J. "Counseling alla coppia e alla famiglia. Un approccio centrato sulla persona" Erickson, Trento, 2002

  • Maslow A. H. “Motivazione e Personalità” Armando, Roma 1973

  • May R. “L’arte del counseling” Astrolabio, Roma 1993

  • Perls F. “L’approccio della gestalt” Astrolabio, Roma 1977

  • Perls F. “Qui ed Ora” Sovera, Roma 1991

  • Perls F. “La terapia gestaltica parola per parola” Astrolabio, Roma 1980

  • Perls; Hefferline; Goodman: “Teoria e pratica della terapia della Gestalt” Astrolabio, Roma 1971

  • Perls F.: “Io, la fame e l’aggressività” Franco Angeli, Milano 1995

  • Polster E. M.“Ogni vita merita un romanzo” Astrolabio, Roma 1988

  • Quattrini P. “Fenomenologia dell’esperienza” Zephyro, Milano 2007

     

 

Il contributo di Carl Rogers: la comprensione empatica e il cambiamento

 

(di Francesca Sacchelli)

 

“Se veramente mi permetto di capire un'altra persona, posso essere cambiato da quanto comprendo” (Rogers C., pag.36, 2013). Negli anni ’60 Carl Rogers, esponente principale della psicologia umanistica, con il suo approccio non direttivo centrato sulla persona, tratta dell’ascolto e della comprensione empatica come di una delle tre condizioni necessarie e sufficienti affinchè l’intervento di aiuto volto alla modificazione personale sia efficace. In quest’ottica l’empatia consiste in un particolare atteggiamento pscicologico dell'operatore della relazione di aiuto, una competenza cardine, che lo porta a sentire il mondo privato del cliente “come se” fosse il proprio, senza tuttavia smarrire mai questa condizione del “come se”, così da non aggiungere le proprie emozioni e sentimenti a quelli del cliente. Si tratta in altri termini del processo esperienziale ed interpersonale dell’entrare in contatto profondo con il mondo interiore di un’altra persona riuscendo a seguirne, sintonizzandosi con essi, sfumature di senso e sentimento, cum-prendendo l’essenza del suo vissuto nel qui e ora...(Leggi di più)

The only person who is educated is the one who has learned how to learn and change. The good life is a process, not a state of being. It is a direction, not a destination

  (Carl Rogers) 

I do my thing and you do your thing. I am not in this world to live up to your expectations, and you are not in this world to live up to mine. You are you, and I am I, and if by chance we find each other, it's beautiful. If not, it can't be helped

(F.S. Perls)

The only real voyage of discovery consists not in seeking new landscapes, but in having new eyes

(M. Proust)

Dragonfly: la creatura del vento e del cambiamento favorevole               

Una leggenda narra di come la libellula fosse una volta un drago molto saggio che volando portava la luce, di notte, grazie al suo respiro di fuoco. Il suo magico respiro creò l’arte della magia e l’illusione della forma cangiante. Tradizionalmente, la libellula è il simbolo della trasformazione e del costante processo di cambiamento nella vita. Anche se trascorre la maggior parte della sua esistenza sul fondo di uno stagno, la libellula emerge poi dall’abisso e impara a volare. Graziosa ed elegante, capace di incredibili manovre aeree, con le sue ali lucenti, piene dei colori dell’arcobaleno, si fa strada attraverso il peso dell’acqua e nella luce del sole, ottenendo quello di cui ha bisogno per cambiare e svilupparsi. Quando è pronta, mette da parte il suo involucro protettivo e vola via dallo stagno...(Leggi di più)

 

Richiedi informazioni o il tuo primo colloquio gratuito

Ti sarà risposto quanto prima e/o comunicate le opzioni di scelta sugli orari disponibili per confermare l'appuntamento. In alternativa puoi andare alla pagina "Attività" e prenotare direttamente il tuo colloquio in agenda